Giallorino

La varietà è di origine sconosciuta, ma diffusa da tempi remoti in tutta la Garfagnana;

il nome “Giallorino” deriva dal tipico colore giallo del seme. E’ un fagiolo a portamento nano, il baccello è medio-piccolo e di colore giallo; i semi sono reniformi-tondeggianti, di color camoscio con venature rossastre.

La semina avviene a fine maggio e la raccolta dalla metà di luglio fino a fine settembre. Viene prodotto a livello familiare in gran parte per autoconsumo e solo in parte commercializzato direttamente. La produzione è comunque limitata sebbene sia molto conosciuto ed apprezzato in ambito locale per il suo sapore e per la sua buccia fine ma resistente alla cottura.
Viene utilizzato come legume secco e impiegato come contorno in particolare per il baccalà ed il cotechino. E’ l’ingrediente base nella preparazione della “minestrella di Gallicano”,piatto tradizionale del comune di Gallicano, realizzato con l’uso di specie vegetali spontanee, gli “erbi”,e accompagnata solitamente dai cosiddetti “mignecci”, una sorta di focaccine di granoturco senza lievito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...